Come curare definitivamente la tendinite? Scopri 10 rimedi utili.

Loading...

LA TENDINITE

La tendinite è un processo infiammatorio che colpisce i tendini del corpo ed è causato dalla ripetizione di micro sollecitazioni che vanno ad alterare la struttura anatomica delle fibrille che compongono i tendini. Generalmente le lesioni tendinee guariscono da sole ma le nuove cellule che si creano, formano un tessuto più vascolarizzato e meno resistente a cui spesso si associa un’infiammazione: in questo caso si parla più propriamente di “Tendinite”. Invece, quando non si verifica un processo infiammatorio, si parla di “Tendinosi”. Diversamente, quando si verifica un’infiammazione della guaina sinoviale che riveste la struttura del tendine, si parla si “Tenosinovite”.

Quindi riepilogando, fra le tendinopatie vanno distinte:

Tendinite;
Tendinosi;
Tenosinovite.
E’ una patologia che affligge molti sportivi nei periodi di attività più intensa e quindi è sempre un dramma perché per curarsi devono fermarsi, rischiando di rimanere indietro con la preparazione o addirittura dover saltare una gara importante.

Loading...

Tra i maggiori fattori di rischio che possono provocare un’infiammazione del tendine ricordiamo l’età, il sovrappeso, il sovraccarico funzionale (provocato dallo svolgimento di sport e lavori che richiedono movimenti ripetitivi e continui), l’assunzione di posture scorrette, l’utilizzo di calzature non adeguate, mancanza di un riscaldamento adeguato, l’assunzione di alcuni farmaci, alcuni fattori congeniti, ect. La patologia può manifestarsi anche a seguito di contratture muscolari.

La tendinite è un disturbo che interessa maggiormente i tendini del ginocchio, del gomito e della spalla, anche se teoricamente può colpire tutti i 267 tendini presenti nel corpo. Tra le forme di tendinite più diffuse e dolorose, ricordiamo:

Tendinite del rotuleo;
Tendinite del polso;
Tendinite del sovraspinoso;
Epitrocleite (o gomito del golfista);
Tendinite del piede;
Tendinite ai peronei della caviglia;
Tendinite del popliteo;
Tendinite del quadricipite;
Sindrome del tendine di Achille.
Come si può curare la tendinite? Esistono alcuni rimedi utili per poter guarire…

I SINTOMI
Il sintomo principale della tendinite è il dolore che si localizza nella zona in cui il tendine si è lesionato. Il dolore tende ad aumentare quando si svolgono dei movimenti che interessano il tendine lesionato, quando si effettua una palpazione della zona colpita dell’infiammazione.

Altri sintomi associati al dolore sono:

il gonfiore;
la formazione di ecchimosi;
la difficoltà a compiere alcuni movimenti che richiedono l’intervento del tendine;
la diminuzione della forza muscolare.
Inoltre nel momento in cui si lesiona o si rompe il tendine, si avverte un dolore acuto e improvviso.

COME CURARE LA TENDINITE
Come si può curare la tendinite? A seconda della gravità dell’infiammazione di cui si è affetti, esistono diverse tipologie per la cura della tendinite che vanno dall’auto-medicazione (prevede riposo, impacchi con ghiaccio, assunzione di antidolorifici), alle iniezioni fino all’intervento chirurgico.

Le 10 regole da seguire per facilitare la guarigione sono:

Loading...

RIPOSO: è opportuno sospendere per qualche settimana gli allenamenti e questo aiuterà a prevenire qualsiasi ulteriore infiammazione, gonfiore o danno. Il periodo di riposo è variabile: ad esempio se si soffre di tendinite al gomito è opportuno rimanere a riposo circa 6 settimane.

GHIACCIO: occorre applicare del ghiaccio sulla zona infiammata quando si avvertono delle fitte dolorose ed è consigliato tenere la borsa del ghiaccio sulla zona interessata per circa 15-20 minuti più volte al giorno.

ANTINFIAMMATORI: è opportuno assumere dei farmaci antinfiammatori per fornire un sollievo immediato al dolore e sono disponibili in pastiglie o in gel.

TUTORI: si possono indossare dei tutori per sostenere l’arto colpito dalla tendinite perché vanno a ridurre il movimento.

Loading...

SCARPE ADATTE: vanno indossate scarpe adeguate ad ogni circostanza e non devono essere ne troppo larghe, ne troppo strette.

FISIOTERAPIA: vengono effettuati dei massaggi specifici in caso di tendinite (esercizi speciali per allungare e rafforzare i tendini e i muscoli circostanti, massaggi diretti sulla zona interessata dal dolore, terapia ad ultrasuoni).

INIEZIONI DI CORTICOSTEROIDI: i corticosteroidi sono farmaci che contengono steroidi che possono essere utilizzati per ridurre l’infiammazione. Se c’è gonfiore, i corticosteroidi possono essere iniettati direttamente nel tendine infiammato o nella guaina tendinea.

TERAPIA CON LE ONDE D’URTO: consiste il passaggio delle onde d’urto attraverso la pelle nella zona interessata e le onde d’urto possono essere effettuate in una o più sessione Questa terapia può alleviare il dolore causato da tendiniti gravi come il gomito del tennista o il tendinite d’Achille.

SOLETTE E PLANTARI: è consigliato utilizzare in ogni calzatura le solette e i plantari shock absorbing.

CHIRURGIA: viene effettuato un intervento chirurgico soltanto in casi estremi e cioè quando i precedenti rimedi non danno risultati evidenti.

COME PREVENIRE LA TENDINITE
Per prevenire la tendinite, soprattutto quando si pratica uno sport, è possibile seguire alcuni semplici consigli:bisogna scegliere sempre con cura le scarpe adatte ad ogni tipologia di sport e di l’allenamento;
non bisogna mai sottovalutare i dolori al gomito, al ginocchio, alle spalle. In questo caso è opportuno sospendere l’attività sportiva;
dopo un periodo di riposo dagli allenamenti è opportuno ricominciare ad allenarsi in modo graduale;
effettuare sempre lo Stretching prima e dopo l’allenamento; evitare di effettuare allenamenti troppo intensi per la propria forma fisica;
eseguire gli esercizi in maniera corretta.
Importante: Questo sito web non dà consigli medici, né suggerisce l’uso di tecniche come forma di trattamento per problemi fisici, per i quali è invece necessario il parere di un medico. Nel caso si decidesse di applicare le informazioni contenute in questo sito, lo stesso non se ne assume le responsabilità. L’intenzione del sito è quella di essere illustrativo, non esortativo né didattico.

Condividi questo articolo:
Loading...
Tags

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close